Viale A. Gramsci


Una cambiamento innovativo che colpisce su tutti i fronti

Il nostro caro e vecchio viale A. Gramsci è tornato finalmente a funzionare e a ricoprire il suo ruolo di giunzione fondamentale. La città di Sesto punta ancora sulla sua importanza e lo considera il punto di partenza della Città della Salute, la città del futuro.

L’8 settembre l’amministrazione comunale ha festeggiato, con tanto di nastro da tagliare e fascia tricolore, la riapertura di viale A. Gramsci.
Finalmente dopo 11 anni la viabilità è stata riaperta.
Finiscono i disagi per cittadini, commercianti e automobilisti in entrata e in uscita da Sesto.
I lavori in superficie, però, non sono ancora terminati. In contemporanea alla riapertura al traffico di viale Gramsci, si è infatti chiusa via Pasolini, nel tratto da Gramsci fino alla rotatoria di viale Gracchi, per completare lo svincolo semaforico.
C’è da non crederci… Era il luglio del 2011 quando iniziarono i lavori per il prolungamento della linea rossa della metropolitana.
Molti dei ragazzi della nostra parrocchia hanno sempre vissuto il viale chiuso, mentre gran parte degli adulti aveva già perso le speranze di una nuova riapertura.

In questi anni ci sono state due imprese fallite, anni di blocchi e di ripresa a singhiozzo, varianti tecniche al progetto, continui rifinanziamenti per un’opera che prevede 1,6 chilometri di galleria e due nuove fermate (Restellone e il capolinea di Bettola).
La data per la ripresa dei lavori ha dovuto attendere l’integrazione del finanziamento: a partecipare, oltre al Municipio di Milano con 7,1 milioni di euro, saranno il Ministero delle Infrastrutture con 15 milioni e Regione con 9,2 milioni, per un totale di altri 31,3 milioni di euro stanziati per un cantiere che pare infinito. Ma questo non è la sola novità che ha investito il viale Gramsci.
L’11 ottobre è infatti stata posta la prima pietra della nuova stazione ferroviaria di Sesto San Giovanni. Il nuovo progetto firmato Renzo Piano è parte di un processo di riqualificazione dell’ex area industriale Falck, trasformandola nella cosiddetta “città della salute”.
La “stazione a ponte” consiste in 89 metri di passerella che rappresenterà un collegamento pedonale tra sesto nuova e vecchia, compresa di servizi e spazi commerciali. Sarà funzionale e costituirà un punto panoramico per la nuova cittadella. Il resto del cantiere infatti si estenderà su 1,5 milioni di metri quadrati che ospiteranno ospedali, centri di ricerca, ma anche università, con particolare attenzione all’aspetto green.




icona-calendario

Prossimi Eventi

MER 08
8 Dicembre 2021 10:30 - 11:30
GIO 09
VEN 10
10 Dicembre 2021 18:15 - 19:15
SAB 11
11 Dicembre 2021 18:15 - 19:15
DOM 12
12 Dicembre 2021 9:30 - 10:30