Ecco Don Fra


Un altro passo che avvicina al servizio e all’amore per l’altro

Sabato 1 ottobre ha avuto luogo nel Duomo di Milano l’ordinazione diaconale di un gruppo di quindici giovani, tra cui Francesco Baroni, l’ “ex-seminarista” ospite nella nostra parrocchia dallo scorso anno, e che ci racconta qui parte della sua esperienza.


Di questi tempi riconoscere nella quotidianità motivi dei quali gioire è decisivo. Ancor più rilevante quando si tratta di occasioni che coinvolgono un’intera diocesi! Sono momenti di particolare gratitudine per la comunità, anche in questo periodo storico in cui si percepisce un «sopravvivere segnato dal malumore, raccontato con il lamento, dipinto con il grigio».
Sabato 1 ottobre nel Duomo di Milano, l’Arcivescovo mons. Mario Delpini ha presieduto l’ordinazione diaconale di trenta giovani, tra i quali sono stato chiamato a dire “Eccomi”.
Segno profetico, e ulteriore motivo di gioia, è stata un’evidenza missionaria all’inizio del mese di ottobre e nei giorni nei quali la metropoli lombarda ha accolto il Festival nazionale delle missioni: insieme a noi, quindici giovani diocesani che riceveremo l’ordinazione presbiterale il prossimo 10 giugno 2023, l’Arcivescovo ha ordinato quattordici candidati del Pontificio Istituto Missioni Estere (PIME) e un giovane proveniente dal Bangladesh.

L’ordinazione diaconale è una tappa necessaria in vista dell’ingresso nel Presbiterio, cioè nella fraternità di tutti i presbiteri chiamati a collaborare con il vescovo, pastore e guida della Diocesi. Per questo motivo, più che usare l’immagine del primo gradino di una breve scala che ascende verso l’episcopato, col rischio di pensare a questo cammino come ad una carriera, condivido la logica dei “cerchi concentrici”.
Questa comporta che con l’ordinazione diaconale si assuma l’impegno al servizio, fulcro centrale del ministero, sull’esempio di Cristo. Esso non viene meno con l’ordinazione presbiterale, bensì è dimensione assunta e vissuta con maggiore intensità dai presbiteri e, ancor più, dai vescovi.
Dopo gli anni di formazione, della quale la Chiesa si fa carico attraverso la comunità educante del Seminario e le parrocchie che ci accolgono e ci accompagnano, ogni candidato è chiamato a rileggere nella propria storia i segni dell’amore di Dio che lo attraggono nel riconoscere la libera e personale volontà di offrire la propria vita al servizio della cura del Vescovo per la Chiesa diocesana.
L’ordinazione che il Vescovo amministra è dunque la risposta della Chiesa a questo desiderio di servire: è proprio durante la celebrazione che i candidati manifestano pubblicamente la volontà radicale di conformarsi anzitutto a Cristo, esempio del vivere a servizio.

A quale particolare servizio sono chiamati i diaconi? Nella solenne celebrazione di ordinazione diaconale, l’Arcivescovo ha invitato noi novelli diaconi ad essere «angeli della pace», richiamando il nostro motto “Pace in terra agli uomini, che egli ama”. I messaggeri della pace «si riconoscono perché sono stati inviati, per la loro obbedienza; perché non annunciano se stessi o qualche loro originale ricetta per risolvere i problemi della terra e del mondo. Sono guidati da una specie di scrupolo che li induce a vigilare sulla tentazione di attirare l’attenzione su di sé. Perciò amano essere servitori, si distinguono dalla tentazione diffusa di rendersi famosi per la loro visibilità, di frequentare i social, gli ambienti, i momenti clamorosi come se si potesse essere incisivi perché si parla di noi».

Penso che questa esortazione sia in grado di esprimere bene lo stile con il quale sento di aver vissuto questo passaggio fondamentale e radicale nella mia vita. La certezza di sapermi amato da Dio per quello che sono, ancor più nella mia pochezza e limitatezza, ha alimentato in me la fiducia e ho davvero fatto esperienza della pace che sazia il cuore.
Non nascondo l’attesa trepidante divenuta gioia incontenibile: con naturalezza è emersa una traboccante gratitudine data nel riconoscere la grazia, presente nella mia storia personale e condivisa quanto più possibile con le molte persone che ho avuto modo di incontrare in questi anni.
Nel desiderio di corrispondere a quell’amore, che fin dall’infanzia si è mostrato a me come un tesoro troppo prezioso per essere ignorato, passando dalla decisione di intraprendere in seminario un cammino di verifica di quelle intuizioni che sentivo rilevanti per trovare il senso nella mia vita, sono arrivato alla soglia dell’ordinazione diaconale molto più consapevole di me stesso, delle potenzialità acquisite, dei doni e delle fragilità che fanno parte di me e con le quali non smetterò di confrontarmi. Sono ancor più consapevole che a sostenermi è la fede nel Dio che ho incontrato e che si è mostrato a me nella gratuità e nella fedeltà del suo amore che opera senza misura nella mia vita e nella vita di ciascuno.




icona-calendario

Prossimi Eventi

LUN 05
5 Dicembre 2022 8:00 - 23 Dicembre 2022 17:00
MER 07
7 Dicembre 2022 17:30 - 18:30
GIO 08
8 Dicembre 2022 8:30 - 9:30
GIO 08
8 Dicembre 2022 10:30 - 11:30
SAB 10
10 Dicembre 2022 16:30 - 17:30
internet fake watches.
Online golddual.com.
check here fake watches.
click here for info fake rolex.
see this website fake rolex.
65% off rolex replica.
he said rolexreplicasswissmade.com.
Up To 80% Off replica rolex.
Click Here watchestend.com.
Wiht 60% Discount https://watchesvast.com/.
top article replica rolex.
Resources fake watches.
visit here rolex replica.
click over here now https://www.asiafive.com.
Learn More https://www.atomdear.com.
Shop for fake watches.
this hyperlink https://beatboth.com/.
this article https://bluehers.com/.
afford bookhave.com.
read the full info here https://www.bossgust.com/.
error: Content is protected !!